Home » Sun Tzu e larte della seduzione (Ponte alle Grazie Saggi e manuali) by Pierre Fayard
Sun Tzu e larte della seduzione (Ponte alle Grazie Saggi e manuali) Pierre Fayard

Sun Tzu e larte della seduzione (Ponte alle Grazie Saggi e manuali)

Pierre Fayard

Published June 30th 2011
ISBN :
Kindle Edition
157 pages
Enter the sum

 About the Book 

«Lo stratega» scrive lautore di questo libro, andando al nocciolo del pensiero di SunTzu, «mira a conquistare non tanto le fortezze e le armate del nemico, quanto il suo spirito». Se ciò è vero in materia di generali e di guerra, lo è tantopiùMore«Lo stratega» scrive lautore di questo libro, andando al nocciolo del pensiero di SunTzu, «mira a conquistare non tanto le fortezze e le armate del nemico, quanto il suo spirito». Se ciò è vero in materia di generali e di guerra, lo è tantopiù quando si parla di seduzione. La seduzione - non solo quella amorosa, ma anche quella che deve saper mettere in opera il manager, il politico, il comunicatore, il formatore - è un terreno privilegiato di applicazione del pensiero strategico cinese: il suo scopo è conquistare laltro, non sconfiggerlo né tantomeno distruggerlo, e i suoi strumenti delezione sono esattamente gli stessi elencati nel trattato stilato 2500 anni fa e giuntoci con il titolo Larte della guerra. Proprio come il buon condottiero, il seduttore deve saper analizzare il contesto e i suoi punti favorevoli e sfavorevoli, scegliere i modi più appropriati per avvicinarsi alla preda, leggerne e interpretarne bisogni e desideri, instaurare con lei una relazione aperta e in continuo divenire. Che si tratti di conquistare un nuovo mercato, convincere un consiglio di amministrazione o presentare un progetto, il seduttore è colui che coglie nella realtà i germi del possibile cambiamento e sa scegliere, caso per caso, il modo più efficace per trasformarla, naturalmente a proprio vantaggio. Il generale migliore non usa mai le armi- il vero seduttore fa credere alla preda che solo tra le sue braccia troverà la felicità. «Non si seduce mai da soli, ma grazie alleco che si risveglia nellaltro e che risuona in noi»